La tesi "copia e incolla": un caso di studio sulle opinioni di studenti e professori

Tammaro, Anna Maria (2012) La tesi "copia e incolla": un caso di studio sulle opinioni di studenti e professori. In: Oltre la rilevazione del plagio verso la qualità della didattica e della ricerca, 30 novembre 2012, Bologna.
Full text available as:
[img]
Preview
PDF
License: Creative Commons Attribution Non-commercial

Download (366kB) | Preview
[img] Video (MPEG) (produced by CRR-MM, Università di Bologna)
License: Creative Commons Attribution Non-commercial

Download (68MB)

Abstract

La tesi in Italia ha valore "legale", cioè certifica che lo studente ha compiuto un percorso di studio con successo ed è stato in grado di compiere un lavoro finale di ricerca, pur se limitato. Eppure il valore "vero" delle tesi degli studenti è generalmente basso ed è stato peggiorato dalla diffusa pratica del "copia ed incolla". E' allora vero quanto afferma Nicholas che Internet ci rende stupidi!. Quando arrivano nelle università, gli studenti non vengono istruiti sulle metodologie da seguire per redigere un lavoro di ricerca «corretto». Come anche non vengono istruiti sulle modalità di ricerca bibliografica e di citazione bibliografica. Sembra inoltre che si sia arrivati ad un clima di tolleranza per il fenomeno di "copia ed incolla" a lungo considerato quasi fisiologico! Un possibile cambiamento potrebbe essere stimolato con l' introduzione sul mercato di software specifici anti «copia e incolla». È il caso di «Turnitin», il sistema più diffuso. La presentazione descrive i risultati di un'indagine realizzata presso gli studenti del corso Editoria Digitale ed alcuni professori dell'Università di Parma.

Abstract
Document type
Conference or Workshop Item (Presentation)
Creators
CreatorsAffiliationORCID
Tammaro, Anna Maria
Subjects
DOI
Deposit date
20 Dec 2012 08:49
Last modified
14 Jan 2013 12:02
URI

Other metadata

Downloads

Downloads

Staff only: View the document

^