Le culture dell'Espressionismo Astratto

Basili, Lisa (2018) Le culture dell'Espressionismo Astratto. Bologna: DAR - Dipartimento delle Arti - Università di Bologna, p. 193. ISBN 9788898010837. DOI 10.6092/unibo/amsacta/5960. In: ARTYPE | Aperture sul contemporaneo (6). A cura di: Grandi, Silvia. ISSN 2465-2369.
Full text available as:
[img]
Preview
Text(pdf) (Lisa Basili, Le culture dell'Espressionismo Astratto)
License: Creative Commons Attribution Non-commercial

Download (7MB) | Preview

Abstract

L’Espressionismo Astratto, nato in seguito alla Seconda Guerra Mondiale e sviluppatosi fino a primi anni Cinquanta, deve la sua importanza principalmente al fatto di essere stato ricono-sciuto come la prima corrente artistica tipicamente americana grazie alla quale gli Stati Uniti riuscirono a trasferire la capitale mondiale dell’arte da Parigi a New York. Già dai primi decenni del Novecento va fatto risalire l’agognato obiettivo degli Stati Uniti di giungere ad un’arte americana pura, finalmente liberata dalle dipendenze stilistiche europee. Tuttavia, sebbene l’Espressionismo Astratto abbia incarnato ufficialmente questo ideale, esso non nacque solo dal genio dei suoi esponenti, ma anche e particolarmente in virtù di una contaminazione con altre culture minori. Infatti, in seguito ad una convergenza di fattori politici e culturali gli artisti, affrancatisi progressivamente dai realismi promossi dal governo statunitense e dalle influenze del vecchio continente, si lasciarono ispirare in un primo momento dall’arte e dalla cultura dei Nativi Americani e, successivamente, dal Buddhismo Zen.

Abstract
Document type
Monograph (Book)
Creators
CreatorsAffiliationORCID
Basili, Lisa
Keywords
Espressionismo Astratto Zen Jung Nativi Americani
Subjects
ISSN
2465-2369
ISBN
9788898010837
DOI
Deposit date
09 Jul 2018 07:09
Last modified
22 May 2019 13:56
URI

Other metadata

Downloads

Downloads

Staff only: View the document

^