Frames, Transitivity Structures e gerarchie di potere tra personaggi: Harry Potter affronta Lord Voldemort in The Sorcerer's Stone

Luporini, Antonella (2009) Frames, Transitivity Structures e gerarchie di potere tra personaggi: Harry Potter affronta Lord Voldemort in The Sorcerer's Stone. Bologna: Centro di Studi Linguistico-Culturali (CeSLiC), DOI 10.6092/unibo/amsacta/2641. In: Quaderni del CeSLiC. Occasional papers A cura di: Miller, Donna Rose. ISSN 1973-221X.
Full text disponibile come:
[img]
Anteprima
Documento PDF
Licenza: Creative Commons Attribution Non-commercial (CC BY-NC 3.0)

Download (326kB) | Anteprima

Abstract

Partendo dal riconoscimento del ruolo centrale svolto dal testo all'interno di un'opera letteraria, non solo come discriminante delle sue possibili interpretazioni (Eco, 1990 [2004]), ma anche in quanto materia prima di un'arte crafted with language (Hasan, 2007), il presente lavoro indaga le modalità  con cui le strutture linguistiche guidano il lettore nel processo semiotico, scegliendo come case study un brano tratto dal primo libro della serie di Harry Potter, della scrittrice britannica contemporanea J.K. Rowling. Scopo dell'analisi è evidenziare come le costruzioni grammaticali e le scelte lessicali rappresentino il rapporto di potere che si instaura tra il protagonista (Harry Potter) e l'antagonista (Lord Voldemort) nel contesto del loro primo scontro frontale, servendosi degli strumenti forniti da due teorie linguistiche distinte ma, per certi aspetti, complementari: la Frame Semantics di C.J. Fillmore e il ramo della Systemic Functional Linguistics di M.A.K. Halliday relativo al Transitivity System. Nell'ottica di Fillmore, infatti, le unità  lessicali realizzate a livello sintagmatico in una produzione linguistica sono in grado di attivare nella mente dei partecipanti alla comunicazione scene cognitive complesse (frames), di cui mettono in rilievo solo alcuni aspetti, indicando una precisa "prospettiva" su un evento. Nel sistema di Transitivity hallidaiano, invece, l'attenzione è rivolta alla lingua come meccanismo di rappresentazione di contenuti esperienziali, fondato sull'associazione tra elementi lessico-grammaticali che compongono la frase e Processes, Participants e Circumstances di varia natura. L'autrice, integrando avvedutamente i due quadri teorici, espone una visione complessiva dei fattori su cui si basano la comprensione e l'interpretazione da parte del lettore nell'ambito del brano oggetto di studio. Il lavoro si pone al tempo stesso come ideale punto di partenza per uno sviluppo della ricerca in chiave intertestuale e intersemiotica. Concetti chiave: "arte verbale", systemic functional linguistics, frame semantics, transitività , Harry Potter

Abstract
Tipologia del documento
Monografia (Saggio)
Autori
AutoreAffiliazioneORCID
Luporini, Antonella
Parole chiave
arte verbale, systemic functional linguistics, frame semantics, transitività , Harry Potter
Settori scientifico-disciplinari
ISSN
1973-221X
DOI
Data di deposito
29 Set 2009 08:52
Ultima modifica
07 Lug 2015 13:00
URI

Altri metadati

Si autorizzano tutti gli utenti ad accedere gratuitamente all'Opera, a riprodurla, utilizzarla, distribuirla, trasmetterla e mostrarla pubblicamente e a produrre e distribuire lavori da essa derivati, in ogni formato digitale e per una utilizzazione strettamente personale o per finalità didattiche o di ricerca, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Gli utenti sono altresì autorizzati dal Titolare dei diritti a riprodurre una quantità limitata di copie stampate su carta dell'Opere per il proprio uso personale. In ogni caso dovranno salvaguardarsi i diritti morali dello/gli autore/i dell'Opere, in particolare riconoscendone adeguatamente la paternità.

Statistica sui download

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^