Alma Mater Digital Library

Edited by Documentary and Departmental Support

cambia la lingua in italiano
AMS Acta
ISSN: 2038-7954
Contributi di ricerca dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Informazioni sul Single Sign-On di Ateneo Login for authors

Uccisione del congiunto, danno catastrofale, danno tanatologico e danno parentale: a che punto siamo?

Belli, Guido (2012) Uccisione del congiunto, danno catastrofale, danno tanatologico e danno parentale: a che punto siamo? La responsabilità civile (7). pp. 542-547. ISSN 1824-7474

Full text disponibile come:

[img]PDF
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial (CC BY-NC 3.0).

269Kb

Abstract

a) Risarcibilità del danno in favore dei congiunti. Il risarcimento del danno, sia patrimoniale che non patrimoniale, derivante dalla morte ex delicto di un individuo va liquidato in favore dei familiari più stretti della vittima e dei congiunti meno prossimi, ma con essa effettivamente conviventi, o comunque alla stessa legati da uno stretto rapporto caratterizzato da affetto reciproco e solidarietà, che abbiano subito un grave perturbamento sul piano economico e/o su quello morale, a cagione sia del trauma affettivo sofferto, che della perdita di un valido sostegno materiale, attuale o verosimilmente potenziale. b) Titolo della legittimazione. La legittimazione all’azione di risarcimento va riconosciuta iure proprio ai congiunti del de cuius, sempreché non sia decorso un apprezzabile intervallo di tempo tra la lesione da quello subita e la sua morte, che permetta di riferire ad esso stesso il danno, dovendosi, in tal caso, ammettere una legittimazione iure successionis in capo agli eredi. c) La lesione del rapporto parentale. Al fine di colmare i pericolosi vuoti di tutela esistenti, da qualche tempo è stata elaborata una nuova figura di danno non patrimoniale, quella del danno da lesione del rapporto parentale, per la cui risarcibilità gli stretti congiunti della vittima sono legittimati iure proprio, senza che ciò precluda loro la possibilità di lamentare, oltre al danno patrimoniale ed al danno morale transeunte, anche il danno alla salute sofferto dal defunto nell’apprezzabile lasso di tempo trascorso tra l’evento lesivo e la morte.

Document type:Article
Uncontrolled Keywords:Uccisione congiunto Danno Lutto
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/01 Diritto privato
ISSN:1824-7474
DOI:10.6092/unibo/amsacta/3386
Depositato da:Guido Belli
Depositato il:19 Sep 2012 11:55
Last modified:08 Oct 2012 14:38

Solo per lo Staff dell Archivio: Gestione del documento