Recesso con diritto alla caparra, risoluzione del contratto e tutela della parte in bonis

Belli, Guido (2012) Recesso con diritto alla caparra, risoluzione del contratto e tutela della parte in bonis. La responsabilità civile (8-9). pp. 584-589. ISSN 1824-7474
Full text disponibile come:
[img]
Anteprima
Documento PDF
Licenza Creative Commons Attribution Non-commercial (CC BY-NC 3.0)

Download (264kB) | Anteprima

Abstract

Nota a Cass. civ., sez. II, 6 settembre 2011, n. 18266 a) Recesso con ritenzione della caparra e risoluzione giudiziale: condivisione di presupposti ed effetti
. Nella sentenza in rassegna la Corte di cassazione, richiamandosi all’orientamento espresso dalle Sezioni Unite nel gennaio 2009 (Cass., S.U., 14.1.2009, n. 553) tornando ad occuparsi dei rapporti tra il recesso con ritenzione della caparra confirmatoria di cui all’art. 1385, 2° co., c.c. e l’istituto della risoluzione giudiziale, configura il primo come una mera facoltà riconosciuta alla parte in bonis che, se esercitata, determina lo scioglimento ope legis del contratto, e che richiede, come presupposto, l’inadempimento dell’altro contraente, avente le medesime caratteristiche di quello che legittimerebbe la scelta di agire in giudizio per la risoluzione ed il risarcimento dei danni (artt. 1218, 1256 e 1455 c.c.). Per la Corte, invero, la norma in esame non deroga affatto alla disciplina generale della risoluzione per inadempimento, ammettendo la scelta di recedere dal contratto e di trattenere la caparra ricevuta (o di esigere il doppio di quella versata) solo quando l’inadempimento della controparte sia colpevole e di non scarsa importanza. b) Alternatività e non cumulabilità di rimedi. Secondo i supremi giudici, il recesso dell’art. 1385, 2° co., c.c. integra, nella sostanza, una forma di risoluzione di diritto del contratto, alternativa e non cumulabile con la domanda di risoluzione giudiziale di cui all’art. 1453 c.c., da affiancare (piuttosto che contrapporre) a quelle di cui agli artt. 1454, 1456, 1457 c.c. e destinata ad operare, indipendentemente dall’esistenza di un termine essenziale o di una diffida ad adempiere, attraverso la semplice comunicazione all’altra parte di una volontà "caducatoria"’ degli effetti negoziali.

Abstract
Tipologia del documento
Articolo
Autori
AutoreAffiliazioneORCID
Belli, Guido
Parole chiave
Recesso Caparra Risoluzione Contratto
Settori scientifico-disciplinari
ISSN
1824-7474
DOI
Data di deposito
19 Set 2012 09:55
Ultima modifica
08 Ott 2012 12:39
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^