Alma Mater Digital Library

Edited by Documentary and Departmental Support

cambia la lingua in italiano
AMS Acta
ISSN: 2038-7954
Contributi di ricerca dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Informazioni sul Single Sign-On di Ateneo Login for authors

Affari differenziali e operazioni su strumenti finanziari derivati: contratti o comuni scommesse?

Belli, Guido (2012) Affari differenziali e operazioni su strumenti finanziari derivati: contratti o comuni scommesse? Obbligazioni e contratti (4). pp. 302-305. ISSN 1826-2570

Full text disponibile come:

[img]PDF
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial (CC BY-NC 3.0).

238Kb

Abstract

a) L’art. 23, 5° co., t.u.f. e l’art. 1933 c.c.: tra regola ed eccezione. La previsione dell’art. 23, 5° co., t.u.f., di cui al d.lgs. 24.2.1998, n. 58, se da una parte si è dimostrata decisiva per l’affermazione della validità ed efficacia degli affari differenziali di borsa, dall’altra ha determinato dubbi circa la sua esatta portata applicativa: se, più precisamente, essa costituisca un’eccezione alla regola normalmente operante dell’art. 1933 c.c., o piuttosto rappresenti la specificazione di una norma di carattere generale. Nonostante le diverse elaborazioni proposte dagli interpreti, sta di fatto che la barriera tra gli ambiti di applicazione delle due disposizioni continua ad apparire difficilmente valicabile, stante l’impossibilità di dare al problema in questione una risposta generale ed astratta, dovendosi al contrario svolgere ogni disquisizione sulla falsariga di un confronto tra le singole fattispecie e i relativi trattamenti. b) Contratti o scommesse? La dottrina più moderna ed accreditata, in linea con la previsione dell’art. 23, 5° co., t.u.f., sembra orientata nel senso di ammettere azione a tutela delle pretese fondate sui contratti differenziali semplici soltanto quando almeno una delle parti sia un intermediario finanziario abilitato mentre, al di fuori di tale ambito, agli affari in esame, in quanto aleatori e assimilabili al gioco o alla scommessa, sarebbe applicabile l’art. 1933 c.c. salvo che all’attribuzione dei vantaggi e degli svantaggi non sia sottesa una giustificazione causale meritevole di tutela ai sensi dell’art. 1322, 2° co., c.c.

Document type:Article
Uncontrolled Keywords:Contratti differenziali Derivati Contratti Scommesse
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/01 Diritto privato
ISSN:1826-2570
DOI:10.6092/unibo/amsacta/3391
Depositato da:Guido Belli
Depositato il:19 Sep 2012 11:55
Last modified:08 Oct 2012 12:09

Solo per lo Staff dell Archivio: Gestione del documento