Alma Mater Digital Library

Edited by Documentary and Departmental Support

cambia la lingua in italiano
AMS Acta
ISSN: 2038-7954
Contributi di ricerca dell'Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
Informazioni sul Single Sign-On di Ateneo Login for authors

Le operazioni su weather derivatives tra finalità di copertura e speculazione

Belli, Guido (2012) Le operazioni su weather derivatives tra finalità di copertura e speculazione. Contratto e impresa (4-5). pp. 1223-1238. ISSN 1123-5055

Full text disponibile come:

[img]PDF
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial (CC BY-NC 3.0).

128Kb

Abstract

Accanto alle tradizionali tipologie di strumenti finanziari a copertura del rischio di cambio, di interesse, di credito e di prezzo, di recente ha preso forma un innovativo segmento finalizzato a fronteggiare la volatilità dei profitti d’impresa associata all’evoluzione indesiderata dei parametri atmosferici: il comparto dei weather derivatives. In Italia la prima applicazione di derivati climatici è quella negoziata nell’agosto 2003 tra la Banca Popolare di Sondrio e la Fonte Tavina s.p.a., nella forma di un contratto di swap strutturato per proteggere la salodiana società di acque minerali, passata recentemente sotto il controllo del gruppo Sangemini s.p.a. (detenuto da Hopa s.p.a.), da stagioni estive più miti rispetto alla media massima e, dunque, da una situazione di possibile calo dei consumi. Preceduta da una approfondita analisi dello specifico rischio climatico e delle caratteristiche proprie del mercato principale di Tavina, l’area lombardo-veneta, l’operazione se da un lato consentiva alla società, senza il pagamento di un premio, di ricevere una rimunerazione per ogni decimo di grado inferiore al livello di temperatura convenuto (28,5°C), dall’altro la onerava del pagamento alla banca di una somma di denaro per ogni decimo di grado al di sopra dell’indice fissato ( ). L’evoluzione dei parametri atmosferici non ha riflesso, tuttavia, le aspettative di Fonte Tavina s.p.a., al punto che Sangemini s.p.a., rilevata la società, non rinnovò il derivato: nei quattro mesi successivi al suo impiego un eccezionale – sia in termini di intensità che di durata – ciclone di bassa pressione fece registrare i più alti livelli di temperatura degli ultimi dieci anni, ed in molte città della penisola si raggiunsero i 38°C, ben 9,5°C oltre lo strike determinato. Poco più tardi, un altro weather derivative viene negoziato tra Banca Popolare di Sondrio e la trevigiana Ascopiave s.p.a., con l’obiettivo di ridurre la volatilità dei profitti dell’azienda distributrice di gas metano associata a condizione climatiche indesiderate.

Document type:Article
Uncontrolled Keywords:Weather Derivatives Derivati climatici
Subjects:Area 12 - Scienze giuridiche > IUS/01 Diritto privato
ISSN:1123-5055
DOI:10.6092/unibo/amsacta/3408
Depositato da:Guido Belli
Depositato il:06 Sep 2012 14:01
Last modified:08 Oct 2012 14:41

Solo per lo Staff dell Archivio: Gestione del documento