Aspetti del Primitivismo in Italia

Borgogelli, Alessandra ; Bonzano, Raffaella ; Cavallini, Francesco ; Nardoni, Pierluca (2015) Aspetti del Primitivismo in Italia. Bologna: DAR Dipartimento delle Arti, p. 299. ISBN 9788898010240. DOI 10.6092/unibo/amsacta/4236. In: ARTYPE | Aperture sul contemporaneo (1). A cura di: Grandi, Silvia. ISSN 2465-2369.
Full text available as:
[img]
Preview
PDF
License: Creative Commons Attribution Non-commercial

Download (6MB) | Preview

Abstract

Nei primi due decenni del Novecento si diffonde anche in Italia uno stile espressionista, in cui le icone sintetiche del Simbolismo sono sottoposte a un trattamento brutale che elimina richiami ultra-terreni a favore di “visioni” crude e immanenti, caratterizzate da una ripresa sistematica del passato italiano. Questo “Primitivismo” si attua anche grazie a una potente “deformazione”, soprattutto in Toscana. La “linea sintetica” dell’arte toscana evidenzia il rapporto che lega gli artisti del periodo ai predecessori Macchiaioli, soffermandosi sui alcuni protagonisti (Lorenzo Viani, Spartaco Carlini, Moses Levy, Amedeo Modigliani), fino agli sconfinamenti regressivi nel mondo popolare ed infantile che nel caso di Alberto Magri diventa un vero e proprio “primitivismo candido”, collegato idealmente alla pittura premoderna del Duecento, del Trecento e del primo Quattrocento. Infine il caso di Osvaldo Licini, analizzato nelle prime due fasi della sua carriera che l’artista stesso schematicamente definì Primitivismo fantastico (1913-1915) ed Episodi di guerra (1915-1920).

Abstract
Document type
Monograph (Book)
Creators
CreatorsAffiliationORCID
Borgogelli, Alessandra
Bonzano, Raffaella
Cavallini, Francesco
Nardoni, Pierluca
Keywords
Primitivismo, Espressionismo
Subjects
ISSN
2465-2369
ISBN
9788898010240
DOI
Deposit date
14 May 2015 07:32
Last modified
14 Jun 2017 08:50
URI

Other metadata

Downloads

Downloads

Staff only: View the document

^